Acqua nel corpo e massaggio

Tempo di lettura: 15 minuti

L’acqua rappresenta circa il 60% del peso corporeo nei maschi e il 55% nelle femmine. Questa informazione può essere utile al massaggiatore? Leggi il post per scoprirlo . . .

acqua

Il corpo umano è costituito principalmente di acqua e la percentuale cambia tra uomo e donna e si riduce progressivamente col passare del tempo.

Il volume totale dell’acqua in base all’età e sesso è:

  • feto 85-90%;
  • nascita 75-80%;
  • uomo 60%;
  • donna 55%;
  • anziano 40-50%.

L’acqua, nei diversi organi e tessuti del corpo è suddivisa nelle seguenti percentuali:

Come massaggiatori abbiamo studiato anatomia, fisiologia, morfologia della fascia e di altre strutture del tessuto connettivo e potrebbe tornarci utile, quando massaggiamo, ricordarci che il corpo umano è formato principalmente di acqua.

Nel corpo umano troviamo acqua libera solo nel sistema urinario. Pertanto, potremmo strizzare, con tutta la forza possibile, il tessuto umano, ma non uscirà una goccia d’acqua.

Ciò perché la maggioranza dell’acqua è rinchiusa nei fluidi intracellulari ed extracellulari.

Quest’acqua può essere rilasciata solo attraverso la fisiologia del metabolismo giacché è legata al collagene.

L’acqua nel nostro corpo è differente dall’acqua che beviamo in quanto è trattenuta all’interno dei tessuti e degli organi e non scorre attorno alle articolazioni e né riempie le cavità. Tuttavia, un trauma o un’infiammazione possono rilasciare acqua legata tramite varie sostanze infiammatorie e il massaggiatore lo vedrà, ad esempio, come un edema periferico.

Come i fiumi plasmano il paesaggio sulla terra, così l’acqua, all’interno del nostro organismo, influenza la forma e la morfologia dei tessuti.

I liquidi stagnanti provocano, ad esempio:

  • cambiamento di acidità;
  • metabolismo anomalo;
  • produzione di dolore che genera citochine proinfiammatorie.

Compartimenti fluidi

I fluidi corporei possono essere discussi in termini del loro specifico “compartimento fluido”, una posizione che è in gran parte separata da un altro compartimento da una qualche forma di barriera fisica.

Il compartimento del fluido intracellulare (ICF) è il sistema che comprende tutto il fluido racchiuso nelle cellule dalle loro membrane plasmatiche.

Il fluido extracellulare (ECF) circonda tutte le cellule del corpo. Il fluido extracellulare ha due costituenti primari:

  • la componente fluida del sangue (chiamata plasma);
  • il fluido interstiziale (IF) che circonda tutte le cellule non presenti nel sangue.

acqua

Il fluido intracellulare si trova all’interno delle cellule ed è il componente principale del citoplasma/citosol (il citoplasma è tutta la porzione di una cellula, all’interno di questa porzione cellulare vi sono organelli cellulari dispersi in una matrice fluida detta citosol).

Il fluido intracellulare costituisce circa il 60% dell’acqua totale nel corpo umano e, in un maschio adulto di taglia media, rappresenta circa 25 litri di fluido. Questo volume di fluido tende ad essere molto stabile, poiché la quantità di acqua nelle cellule viventi è strettamente regolata. Se la quantità di acqua all’interno di una cellula scende ad un valore troppo basso, il citosol diventa troppo concentrato di soluti per svolgere le normali attività cellulari; se troppa acqua entra in una cellula potrebbe scoppiare ed essere distrutta.

Il fluido extracellulare rappresenta il restante terzo del contenuto idrico del corpo. Circa il 20% del fluido extracellulare si trova nel plasma.

Il plasma viaggia attraverso il corpo nei vasi sanguigni e trasporta una serie di materiali, tra cui cellule del sangue, proteine ​​(compresi fattori di coagulazione e anticorpi), elettroliti, sostanze nutritive, gas e rifiuti. Gas, nutrienti e materiali di scarto viaggiano tra i capillari e le cellule attraverso il fluido intracellulare. Le cellule sono separate dal fluido intracellulare da una membrana cellulare selettivamente permeabile che aiuta a regolare il passaggio dei materiali tra il fluido intracellulare e l’interno della cellula.

Il corpo ha altro fluido extracellulare a base d’acqua. Questi includono:

  • il liquido cerebrospinale che bagna il cervello e il midollo spinale;
  • la linfa;
  • il liquido sinoviale nelle articolazioni;
  • il liquido pleurico nelle cavità pleuriche;
  • il liquido pericardico nel sacco cardiaco;
  • il liquido peritoneale nella cavità peritoneale;
  • l’umor acqueo del l’occhio.

Poiché questi fluidi si trovano all’esterno delle cellule, sono considerati componenti del compartimento del fluido extracellulare.

Composizione dei liquidi corporei

acqua

Le composizioni dei due componenti del fluido extracellulare (plasma e fluido interstiziale) sono più simili tra loro di quanto non lo siano quelle del fluido intracellulare.

Il plasma sanguigno ha alte concentrazioni di sodio, cloruro, bicarbonato e proteine. Il fluido interstiziale ha alte concentrazioni di sodio, cloruro e bicarbonato, ma una concentrazione relativamente inferiore di proteine. Al contrario, il fluido intracellulare contiene quantità elevate di potassio, fosfato, magnesio e proteine. Nel complesso, il fluido intracellulare contiene elevate concentrazioni di potassio e fosfato (HPO2-4), mentre sia il plasma che il liquido extracellulare contengono elevate concentrazioni di sodio e cloruro.

Il grafico sotto, mostra la composizione del fluido intracellulare, il fluido interstiziale e il plasma. Le composizioni del plasma e del fluido interstiziale sono simili tra loro ma sono abbastanza diverse dalla composizione del fluido intracellulare.

La maggior parte dei fluidi corporei hanno carica neutra. Pertanto, i cationi, o ioni caricati positivamente, e gli anioni, o ioni caricati negativamente, sono bilanciati nei fluidi. Come visto nel grafico precedente, gli ioni sodio (Na + ) e ioni cloruro (Cl – ) sono concentrati nel fluido extracellulare del corpo, mentre gli ioni potassio (K + ) sono concentrati all’interno delle cellule.

Sebbene sodio e potassio possano “filtrare” attraverso i pori dentro e fuori le cellule, rispettivamente, gli alti livelli di potassio e i bassi livelli di sodio nel fluido intracellulare sono mantenuti dalle pompe sodio-potassio nelle membrane cellulari. Queste pompe utilizzano l’energia fornita dall’ATP (adenosina trifosfato) per pompare il sodio fuori dalla cellula e il potassio nella cellula.

l’ATP (adenosina trifosfato) e ADP (adenosina difosfato) svolgono entrambi un ruolo importante nel fornire energia cellulare.

Movimento dei fluidi tra i compartimenti

acqua

La pressione idrostatica, la forza esercitata da un fluido contro una parete, provoca il movimento del fluido tra i compartimenti. La pressione idrostatica del sangue è la pressione esercitata dal sangue contro le pareti dei vasi sanguigni mediante l’azione di pompaggio del cuore.

Nei capillari, la pressione idrostatica (nota anche come pressione sanguigna capillare) è superiore all’opposta “pressione colloido-osmotica” nel sangue, una pressione “costante” prodotta principalmente dall’albumina circolante all’estremità arteriolare del capillare. Questa pressione spinge il plasma e i nutrienti fuori dai capillari e nei tessuti circostanti. Il fluido e i rifiuti cellulari nei tessuti entrano nei capillari all’estremità della venula, dove la pressione idrostatica è inferiore alla pressione osmotica nel vaso. La pressione di filtrazione spreme il fluido dal plasma nel sangue al fluido interstiziale che circonda le cellule dei tessuti. Il liquido in eccesso nello spazio interstiziale che non viene restituito direttamente ai capillari viene drenato dai tessuti dal sistema linfatico e quindi rientra nel sistema vascolare attraverso le vene succlavie.

La pressione idrostatica è particolarmente importante nel regolare il movimento dell’acqua nei nefroni dei reni per garantire un adeguato filtraggio del sangue per formare l’urina. Quando la pressione idrostatica nei reni aumenta, aumenta anche la quantità di acqua che lascia i capillari e si forma più filtrato di urina. Se la pressione idrostatica nei reni scende troppo, come può accadere in caso di disidratazione, le funzioni dei reni verranno compromesse e dal flusso sanguigno verranno eliminate meno scorie azotate. La disidratazione estrema può causare insufficienza renale.

Il fluido si muove anche tra i compartimenti lungo un gradiente osmotico. Ricordiamo che un gradiente osmotico è prodotto dalla differenza di concentrazione di tutti i soluti su entrambi i lati di una membrana semipermeabile. L’entità del gradiente osmotico è proporzionale alla differenza nella concentrazione dei soluti su un lato della membrana cellulare rispetto a quella sull’altro lato. L’acqua si sposterà per osmosi dal lato dove la sua concentrazione è alta (e la concentrazione di soluto è bassa) al lato della membrana dove la sua concentrazione è bassa (e la concentrazione di soluto è alta). Nel corpo, l’acqua si muove per osmosi dal plasma al fluido interstiziale (e viceversa) e dal fluido interstiziale al fluido intracellulare (e viceversa). Nel corpo, l’acqua si muove costantemente dentro e fuori dai compartimenti fluidi man mano che le condizioni cambiano nelle diverse parti del corpo.

Ad esempio, se sudi, perderai acqua attraverso la pelle. La sudorazione impoverisce i tessuti d’acqua e aumenta la concentrazione di soluti in tali tessuti. Quando ciò accade, l’acqua si diffonde dal sangue nelle ghiandole sudoripare e nei tessuti cutanei circostanti che si sono disidratati a causa del gradiente osmotico. Inoltre, quando l’acqua lascia il sangue, viene sostituita dall’acqua presente in altri tessuti del corpo che non sono disidratati. Se continua così, la disidratazione si diffonde in tutto il corpo. Quando una persona disidratata beve acqua e si reidrata, l’acqua viene ridistribuita secondo lo stesso gradiente, ma nella direzione opposta, reintegrando acqua in tutti i tessuti.

Movimento dei soluti tra i compartimenti

Il movimento di alcuni soluti tra i compartimenti è attivo, mentre il movimento di altri soluti è passivo, che non richiede energia. Il trasporto attivo consente alle cellule di spostare una sostanza specifica contro il suo gradiente di concentrazione attraverso una proteina di membrana, richiedendo energia sotto forma di ATP. Ad esempio, la pompa sodio-potassio utilizza il trasporto attivo per pompare il sodio fuori dalle cellule e il potassio nelle cellule, con entrambe le sostanze che si muovono contro i loro gradienti di concentrazione.

acqua

Il trasporto passivo di una molecola o di uno ione dipende dalla sua capacità di passare attraverso la membrana, nonché dall’esistenza di un gradiente di concentrazione che consente alle molecole di diffondere da un’area a concentrazione maggiore a un’area a concentrazione minore. Alcune molecole, come i gas, i lipidi e l’acqua stessa (che utilizza anche canali d’acqua nella membrana chiamati acquaporine), scivolano abbastanza facilmente attraverso la membrana cellulare; altri, comprese le molecole polari come glucosio, amminoacidi e ioni, no. Alcune di queste molecole entrano ed escono dalle cellule utilizzando il trasporto facilitato, per cui le molecole si muovono lungo un gradiente di concentrazione attraverso specifici canali proteici nella membrana. Questo processo non richiede energia. Ad esempio, il glucosio viene trasferito nelle cellule da trasportatori del glucosio che utilizzano il trasporto facilitato.

Che effetto ha il flusso del fluido sulle forze di tensione e compressione che influenzano strutture vitali come le membrane cellulari, i vasi sanguigni, i nervi periferici, le strutture linfatiche o osseofasciali?

È intuitivo che strutture eccessivamente rigide sarebbero un danno per gli organismi viventi che, invece, esigono capacità, a breve e a lungo termine, di adattare, alterare e variare la loro struttura di base in seguito al cambiamento dell’ambiente e delle forze in esso presenti.

Se le ossa fossero strutture rigide e inflessibili, l’essere umano sarebbe soggetto a fratture ad ogni carico eccessivo, ma esse (che sono una continuità della rete fasciale) contengo acqua con alti livelli di idrossiapatite (cristalli di calcio e fibre di collagene) fino al 25% del loro peso e ciò elargisce elasticità all’osso.

Mentre l’idrossiapatite assegna il livello appropriato di rigidità, richiesto per immagazzinare e rilasciare energia quando è necessario per il supporto posturale, la sua unione con il collagene trasferisce e condivide le forze verso i tessuti più distanti attraverso il meccanismo della meccanotrasduzione.

Per meccanotrasduzione si intende la capacità delle cellule di convertire uno stimolo meccanico in una attività chimica e/o in un segnale nervoso ad esempio, fare esercizio o sottoporsi ad un massaggio.

Senza queste catene di informazioni il sistema fasciale si irrigidirebbe e non permetterebbe di muoversi liberamente.

La figura A sotto, mostra una sezione trasversale plastinata (tecnica di conservazione di corpi e organi) della coscia. Tutti i tessuti molli della coscia sono stati rimossi tranne la fascia superficiale e profonda e il periostio che copre il femore.

La figura B sotto, mostra il diagramma della stessa sezione A con tutti i tessuti molli. Le linee rosse sono le posizioni del sistema fasciale.

acqua

La figura A mostra chiaramente le connessioni dirette e le interazioni tra la fascia superficiale e profonda e il periostio, che è un componente strutturale di ciascun osso.

Supponendo che un cliente si fosse lesionato il muscolo bicipite femorale, il sangue fuoriuscirebbe tra le miofibrille saturando il muscolo. Il rilascio di acqua non legata nei tessuti aumenterebbe immediatamente la sezione trasversale del muscolo e, di conseguenza, la fascia, che copre il muscolo traumatizzato, diventerebbe eccessivamente tesa. Oltre a ciò, l’acqua non legata saturerebbe la fascia stessa contribuendo ulteriormente alla sua tensione.

Infine, questa nuova tensione patologica si diffonderà lungo la fascia fino alla fascia lombodorsale nella parte bassa della schiena, ma si diffonderà anche lungo la fascia profonda fino al suo inserimento nel periostio che ricopre il femore sottostante.

Questa nuova forza di tensione eserciterà una pressione illecita sul periostio del femore. Poiché il periostio è una membrana molto riccamente innervata, la sua tensione contribuirà all’intensità del dolore, ai cambiamenti posturali e all’alternanza dell’andatura che amplificano ulteriormente l’intensità del quadro clinico nella parte posteriore della coscia. Poiché la tensione si diffonde lungo i piani fasciali, lo stesso cliente lamenterà tensione e disagio nella parte bassa della schiena e nella gamba.

Quali sono i benefici dell’acqua per il corpo?

I benefici dell’acqua all’interno del corpo sono molteplici:

  • lubrifica le articolazioni e i muscoli;
  • previene la secchezza orale;
  • migliora la salute della pelle;
  • regola la temperatura corporea;
  • mantiene sani gli occhi;
  • aiuta la digestione;
  • mantiene buona la pressione sanguigna;
  • elimina i rifiuti corporei;
  • aiuta a respirare meglio;
  • mantiene buona la pressione sanguigna;
  • previene danni ai reni;
  • trasporta le sostanze nutritive nel corpo;
  • trasporta sostanze riparatrici;
  • aumenta le prestazioni fisiche.

I benefici dell’acqua elencati non rappresentano la totalità in quanto, numerose operosità della stessa sono ancora semi sconosciute.

I cristalli di Masaru Emoto

acqua

Sono numerosi i ricercatori che non si sono accontentati di vedere l’acqua come H2O e che, in anni di studi coraggiosi e controcorrente, hanno contribuito a rivoluzionare non solo la visione chimico-fisica dell’acqua, ma ne hanno dato un’interpretazione molto profonda, capace di modificare il pensiero e la cultura dominanti.

Ad esempio, Masaru Emoto, ricercatore giapponese, ha osservato con un microscopio a campo oscuro i cristalli congelati di campioni di acqua prelevata da diversi posti, oppure sottoposta a diverse stimolazioni di frequenze per esempio musicali, ambientali, cromatiche.

Emoto, nella sua ricerca, osservò la presenza di una stretta relazione tra le frequenze che venivano trasmesse all’acqua e le forme dei cristalli che via via venivano a formarsi; realizzò dai suoi ragionamenti che a stimolazioni differenti di frequenza corrispondeva una diversa geometria del cristallo d’acqua.

L’intuizione fu quella di comprendere che l’acqua è sensibilmente suscettibile alle frequenze e, a seconda del grado o dell’intensità della frequenza stessa, il cristallo assumeva un’indicativa forma corrispondente.

L’evidenza complessiva lo portò a notare che alcune tra esse erano forme di cristalli geometricamente armoniche o simmetriche e relative a campioni di acqua esposta a frequenze musicali melodiche, mentre altri cristalli risultavano asimmetrici in seguito dell’esposizione a frequenze disarmoniche.

La ricerca si fece ancor più interessante quando sopraggiunse l’intuizione di effettuare l’esperimento con la stimolazione di vibrazioni derivanti dalle parole e dai canti: la scoperta fu che le intenzioni potevano influenzare l’acqua in modo armonico o disarmonico».

Se pensieri e parole positive rendono armonica l’acqua, così come è vero il contrario, e se pensiamo che il 99% delle molecole che compongono il corpo umano è composto da molecole d’acqua, le conclusioni sono presto tratte: i nostri pensieri e le nostre emozioni influenzano direttamente tutti coloro che ci stanno attorno e che entrano in relazione con noi.

La prova scientifica che l’acqua riceve e trasmette informazioni

“Per avvicinarci ai misteri dell’acqua, scrive Gianni Vota, (ingegnere e ricercatore spirituale) partiamo da un esperimento condotto dal premio Nobel per la Medicina 2008, scopritore dal virus HIV, Luc Montagnier assieme ai fisici italiani Emilio del Giudice, Giuseppe Vitiello e Alberto Tedeschi”.

Sono stati presi dei segmenti di DNA estratti da microrganismi di batteri o virus e sono stati immersi in una provetta. Questa provetta è stata via via riempita sempre più di acqua, diluendo di fatto la concentrazione del DNA nell’acqua stessa.

A un certo punto, superata una certa quantità di acqua ci si è accorti che il DNA emetteva dei segnali elettromagnetici che sono stati registrati. Da notare che l’emissione da parte del DNA iniziava solo dopo un certo numero di diluizioni ovvero ci voleva molta acqua perché il DNA emettesse segnali elettromagnetici.

Quello che accade è che il DNA oscilla a una certa frequenza, e con quella frequenza fa oscillare anche le molecole d’acqua circostanti. Le molecole d’acqua circostanti sono molecole coerenti e quindi oscillano tutte assieme.

Tante molecole d’acqua che oscillano tutte assieme alla stessa frequenza del DNA funzionano come un amplificatore di segnale, per cui la funzione dell’acqua attorno al DNA è quella di ricevere i segnali che emette il DNA, amplificarli e trasmetterli come un’antenna radio.

Senza l’acqua il segnale del DNA resterebbe localizzato, e quindi non diffonderebbe nessuna informazione in giro.

Questi segnali sono stati registrati su un computer, messi in un file, e il file trasmesso via internet ad altri laboratori nel Mondo.

Quindi si trasmettono solo file di informazioni, non molecole, biochimica o altro. Solo un file di dati. Non ci sono contaminazioni molecolari.

Questo file è la registrazione digitale di un segnale elettromagnetico, non ci sono, ovviamente, molecole.

A questo punto viene presa una provetta d’acqua nella quale è stato disciolto un kit chiamato “reazione a catena della polimerasi” (Polymerase Chain Reaction PCR), ed è una tecnica di biologia molecolare che consente di ottenere rapidamente in provetta materiale genetico.

Il kit PCR contiene le materie prime di cui è fatto il DNA, più il catalizzatore che determina la reazione, la polimerasi.

Questa provetta con il PCR viene immersa in un campo elettromagnetico modulato dal file registrato in precedenza nel laboratorio di origine.

Dopo qualche ora nella provetta si è generato la stessa struttura del DNA di partenza. Lo stesso identico DNA, non un altro DNA.

Non c’è stata contaminazione di laboratori: è stato registrato il segnale elettromagnetico, digitalizzato, trasmesso via internet; è stato rigenerato, inviato al “brodo primordiale” dell’acqua con le materie prime costituenti il DNA, e si ricrea il DNA di partenza. I segnali elettromagnetici all’acqua contenente le materie prime dal DNA ne hanno permesso la creazione.

Questo vuol dire che le molecole dell’organismo vivente vengono costruite sulla base di segnali, di informazioni, di codici elettromagnetici».

In conclusione possiamo dire che la scienza sta dimostrando come l’acqua “trasporta” le informazioni alle nostre cellule e le “informa” di ciò che debbono fare: l’acqua è alla base della nostra vita.

Acqua nel corpo del corpo e massaggio

acqua

Orbene, questa semplicissimissima e non esaustiva spiegazione dei fluidi all’interno del corpo, a cosa può servirci come massaggiatori?

In primis che il corpo va considerato nel suo insieme e non a scompartimenti. Ad esempio, giusto per dirne due (gli esempi sarebbero veramente molteplici):

  • muscoli indeboliti del grande gluteo potrebbero incidere sul mal di schiena;
  • così come anche una cicatrice al ginocchio potrebbero incidere sulla schiena.

Che i cambiamenti all’interno dei corpi dei nostri clienti non possono avvenire per caso. Bisogna avere esperienza (ciò viene con la pratica), nozioni (anche generali) di biologia, citologia, anatomia, fisiologia, patologia, dermatologia, ma anche del sistema fasciale (che, riguardo a questo post, contiene molta acqua) e fare almeno una lettura di valutazione posturale e dei Trigger point. Essere a conoscenza di tali informazioni ti permette di vedere il corpo in maniera diversa e di agire di conseguenza.

Quando massaggiamo un cliente, dobbiamo ricordarci che stiamo lavorando su un corpo fluido e quindi considerare la possibilità di adattare la strategia di un trattamento in base a questo concetto. Ad esempio, completare una qualsiasi combinazione di manovre e tecniche con un adeguato drenaggio dei tessuti.

Un simile approccio richiede che il massaggiatore consideri il contatto con la pelle del cliente come l’interazione definitiva con le cellule e i tessuti più profondi. Richiede anche pazienza e calma. Un approccio lento, costante e continuo al ripristino somatico è all’ordine del giorno.

È necessità del massaggiatore comprendere e utilizzare i vettori di trattamento corretti come forza, intensità, direzione, durata, sequenza, velocità e profondità delle manovre.

Anche la dimensione dell’area di contatto utilizzata durante il massaggio è un fattore critico poiché il livello e l’entità appropriati della pressione locale suscitato nel tessuto e nei piani facciali altera e provoca tensione a distanza all’interno dei tessuti molli che il massaggiatore non ha toccato.

Dobbiamo anche ricordare che qualsiasi contatto fisico tra due corpi (in questo caso due persone) è, in primo luogo, un portale di trasferimento di stress e scambio di energia e informazioni da una persona all’altra.

John F. Barnes (fisioterapista, conferenziere, autore e principale autorità sul rilascio miofasciale riconosciuto a livello internazionale) consiglia tecniche di rilascio miofasciale per modificare l’acqua contenuta nel sistema fasciale.

Tecniche di rilascio miofasciale possono essere integrate a manovre di massaggio e, al riguardo (sempre John F. Barnes) ci consiglia una manovra chiamata “rimbalzo” (o da altri “dondolio”) da introdurre ad inizio massaggio.

Il rimbalzo inizia quando l’operatore introduce un movimento oscillatorio (ossia un dondolio) dolce e lentamente crescente nella fluidità del sistema fasciale per circa 10 minuti.

L’essere umano, come hai letto, è fluido per circa il 75% e, quando viene scosso, un’onda interna di movimento ed energia inizia a formarsi e muoversi attraverso il fluido all’interno del corpo. Se il dondolio viene dolcemente sostenuto e continuato nel tempo, come con il rimbalzo, questo movimento fluido si perpetua e inizia a raggiungere e influenzare le aree solidificate del corpo.  Questa onda inizia dolcemente a invadere quelle aree strette dandogli l’opportunità di ammorbidirsi.

Sebbene il dondolio sia usato per aiutare il corpo a ritrovare il suo stato fluido e armonioso, può anche aiutare a rompere e allentare gli schemi abituali di rinforzo e mantenimento del corpo sia di natura fisica che emotiva.

Il dondolio può essere applicato direttamente sia su braccia che gambe o l’intero busto e può essere eseguito con il cliente in posizione supina, prona o laterale (figure sotto).

Ho provato in prima persona, chiedendo a più di una collega di dondolarmi per 10 minuti, ed ho applicato il dondolio, prima del massaggio, ad alcuni dei miei clienti privati.

Ovviamente puoi applicare il dondolio se hai un tuo studio privato e spieghi, prima di applicarlo, il perché di tale manovra. Ciò è ovvio, se dondoli un cliente per 10 minuti (che possono sembrare infiniti) senza spiegargli il perché, il cliente si chiederà: “Ma che cavolo sta facendo questo?”.

La sensazione che ho provato e di profondo benessere (provare per credere) e un cliente in particolare mi ha chiesto di cominciare sempre il massaggio con tale dondolio.

Nel caso decidi applicarlo, consiglio di farlo al busto in quanto coinvolge tutto il corpo, ma (stando laterale al lettino e all’altezza dei fianchi del cliente) di posizionare una mano a destra e l’altra a sinistra del bacino e cominciare a cullarlo.

Rimani aggiornato sui nuovi post seguendo Massaggi e Consigli su Facebook e/o Instagram.

Condividi

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.