Massaggiare la donna in gravidanza (ebook omaggio da scaricare)

Tempo di lettura: 5 minuti

Anche se non hai frequentato un corso prenatale, potresti ritrovarti a dover massaggiare una donna incinta. Cosa fare in tal caso? Ci sono accorgimenti da adottare? Divieti? Leggi il post per comprendere  l’agire e scarica gratuitamente l’ebook “Nozioni generali per massaggiare la donna in gravidanza”.

massaggiare la donna in gravidanza

Fortunatamente, pur non avendo frequentato un corso prenatale, sono stato formato a massaggiare la donna in gravidanza durante una stagione di lavoro estivo in Liguria.

La titolare del centro non solo era esperta nel massaggio prenatale, ma la maggioranza del suo marketing era rivolto proprio alle mamme in dolce attesa e così, quel periodo, mi ritrovai a massaggiare numerose donne incinte.

Successivamente in altre strutture, così come in quella dove lavoro attualmente, si sono presentate donne incinte che avevano prenotato un massaggio rilassante ed una domanda spontanea mi sorgeva: “Posso massaggiare la donna in gravidanza pur non avendo frequentato un corso prenatale?”. Inoltre alcune di queste strutture non sapevano neanche della mia esperienza pregressa.

La risposta datami è stata: “La cliente non ha richiesto un massaggio prenatale, che tra l’altro non abbiamo nel listino, ma un massaggio rilassante e tu hai un attestato per farlo.

Presumo che l’episodio sia successo e succederà anche a numerosi colleghi e da qui l’iniziativa di questo post e di redigere un ebook.

Sicuramente c’è da sottolineare che una donna incinta non è una donna malata, ma è una donna che richiede, per quanto riguarda il massaggio, alcune cautele e divieti.

Ho massaggiato diverse donne incinte che non sentivano affatto il bisogno di stendersi lateralmente, come vieni impartito dal massaggio prenatale, al massimo qualcuna ha voluto un paio di cuscini sotto la pancia quando era in posizione prona.

Oltretutto, le manovre di massaggio sono quelle di conoscenza base di ogni massaggiatore, ovviamente la pressione è moderata.

Alcuni consigli per massaggiare la donna in gravidanza

massaggiare la donna in gravidanza

1. Non sentirti obbligato a farlo.

Se non ti senti di massaggiare la donna in gravidanza, non sei obbligato a farlo. La cliente apprezzerà la tua scelta in quanto maturata per il suo stesso bene.

Neanche la struttura per cui lavori può obbligarti a farlo o, comunque sia, deve esonerarti da eventuali complicazioni.

Se ti senti più tranquilla/o puoi anche proporre di massaggiare solo le gambe e/o il viso.

2. Certificazione.

Soprattutto se lavori da privato e vuoi lavorare con questo tipo di clientela, frequentare un corso di massaggio prenatale è d’obbligo.

I massaggiatori devono essere informati:

  • Sui cambiamenti fisici ed emotivi a cui è sottoposta una donna incinta.
  • Come utilizzare le opzioni di posizionamento sul lettino da massaggio e come e quando queste opzioni cambiano con il progredire della gravidanza.
  • Quali manovre e tecniche sono sicure e quali no.
  • Conoscere i divieti come oli essenziali o digitopressioni.

3. Comincia il massaggio con rispetto e apprezzamento.

Massaggiare una donna che porta in grembo nuova vita, dovrebbe essere un privilegio per un massaggiatore. Esse meritano rispetto e timore reverenziale. Chiedi sempre il permesso prima di massaggiare l’addome.

4. Modera l’entusiasmo.

Immaginiamo (e speriamo) che per una donna essere incinta sia un periodo felice ed esaltante, ma può essere anche un periodo di timore e stress psicofisico. Se la cliente esterna i suoi sentimenti sulla propria gravidanza ascolta senza fare commenti che non sono di tua competenza.

5. Il massaggio nel primo trimestre di gravidanza.

Non esiste nessuna ricerca che avvalori la tesi che il massaggio, nei primi tre mesi di gravidanza, possa causare un aborto.

Il massaggio, se eseguito da un professionista in concomitanza con la buona salute della futura mamma, non è dannoso. Anzi può sostenere i cambiamenti che la cliente si ritroverà ad affrontare.

Numerose donne in gravidanza sperimentano la nausea il primo trimestre, in questo caso il massaggio è controindicato.

Buona regola è comunque far chiedere alla cliente un’opinione al proprio ginecologo prima di sottoporsi al massaggio.

6. Scheda di assunzione al massaggio.

Far compilare una scheda di assunzione al massaggio non solo ti permette di valutare le condizioni psicofisiche della cliente, ma ti tutela anche a livello legale. Qui puoi scaricare una scheda per massaggiare la donna in gravidanza.

7. Evitare gli oli essenziali.

Diversi oli essenziali possono essere pericolosi sia per la madre che per il feto.
Ad esempio:

  • Salvia sclarea e il timo hanno proprietà estrogeniche che possono determinare seri squilibri ormonali e disturbi durante la gravidanza.
  • Mandorla amara, canfora e artemisia sono altamente tossici e possono causare danni al feto.
  • Gelsomino e rosmarino stimolano il flusso sanguigno e di conseguenza quello mestruale. Ciò è estremamente pericoloso perché può indurre l’aborto del feto.

Qui puoi leggere gli oli essenziali vietati in gravidanza.

In linea generale, se non si è aromaterapisti esperti evitare qualsiasi tipo di olio essenziale.

Evitare anche oli e/o creme profumati, diffusione aromaterapica e qualsiasi cosa che contenga oli essenziali.

Gli oli essenziali sono dannosi anche per l’operatrice incinta.

Per il massaggio avvalersi semplicemente di olio di mandorle.

8. Evitare le digitopressioni.

Vietato effettuare digitopressioni sui seguenti punti:

  • SP6.
  • LI4.
  • BL60.
  • BL67.
  • GB21.
  • LU7.

Sebbene non vi sia consenso sull’intero spettro dei punti proibiti durante la gravidanza, in linea generale, se non si è agopunturista esperto evitare qualsiasi tipo di digitopressione.

9. Evitare pressioni sulle ossa.

La pressione sulla ossa è consigliata solo sul sacro, in quanto utile soprattutto verso la fine della gravidanza.

10. Confort e posizioni della cliente.

Quando la pancia comincia a crescere, a meno che non si ha il lettino da massaggio o l’apposita attrezzatura posturale, può risultare difficile per la cliente sostare in posizione prona.

Cuscini e posizione laterale possono essere di comfort per la cliente cosi come tenere lo schienale semi reclinato quando è in posizione supina.

Ebook omaggio “Nozioni generali per massaggiare la donna in gravidanza”

massaggiare la donna in gravidanza

Attenzione: l’ebook che scaricherai non è un corso di massaggio prenatale e ne lo sostituisce.

Esso è semplicemente una guida utile per un massaggiatore, già esperto, che dovesse trovarsi a massaggiare una donna incinta senza aver frequentato un corso di massaggio prenatale.

Buona lettura e seguimi sui social per visualizzare il prossimo post.

Puoi aiutarmi sostenendo questo blog e ti spiego come: se devi acquistare una qualsiasi cosa su Amazon, puoi cliccare sul link sottostante che ti indirizza alla pagina di Amazon e da lì cercare ciò che ti occorre e procedere all’acquisto.

Grazie

Condividi

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.