Rituale al miele (esempi di utilizzo).

Tempo di lettura: 8 minuti

Puoi utilizzare il miele per diverse tipologie di massaggio e trattamenti viso/corpo, ma per lavorarlo devi attuare alcuni accorgimenti. Leggi quali . . .rituale al miele

L’utilizzo del miele, a scopi terapeutici e cosmetici, risale a migliaia di anni fa:

  • Una scrittura sumera del 2000 a.C. riporta una ricetta, per curare le ferite, a base di miele.
  • Il papiro di Ebers, scritto intorno al 1550 a.C., include 147 prescrizioni al miele (ad uso topico) per curare le calvizie, lenire siti di interventi chirurgici, ridurre le infiammazioni.
  • I testi ayurvedici dell’antica India, redatti intorno al 500 d.C., riportano l’utilizzo del miele per la pulizia del corpo, la guarigione delle ferite, la cura di infezioni interne ed esterne.
  • Gli antichi Babilonesi e Assiri utilizzavano il miele per curare affezioni della pelle, degli occhi, dei genitali e dell’apparato digerente.

Il miele ha numerose proprietà e non a caso è utilizzato a livello cosmetico, ma anche medico:

  • Peter Molan, professore di biochimica e direttore della Honey Research Unit presso la University of Waikato a Hamilton, in Nuova Zelanda, ha ricoperto di miele 7 tipi di batteri generalmente responsabili di infezioni nelle ferite e tutti e 7 si sono neutralizzati.
  • Lo scienziato Bernard Descottes, capo del Dipartimento di chirurgia interna e trapianti dell’Ospedale di Limoges, ha formulato “l’apiterapia” (l’utilizzo del miele) per trattare alcuni problemi di cicatrizzazione e curare le piaghe

Rituale al miele: i benefici del miele

Il miele contiene:

  • Vitamine e minerali. Anche se in quantità minime, contribuiscono alla qualità del cromo, magnesio e selenio.
  • Potassio.
  • Calcio.
  • Fosforo.
  • Magnesio.
  • Zolfo.
  • Sodio.
  • Ferro.
  • Rame.
  • Vitamine A, B, C.
  • Sostanze antiossidanti quali carotenoidi, flavonoidi, antociani, xantofille.
  • Acidi organici con azione antibatterica e antimicotica.

I benefici del miele ad uso orale sono:

  • Azione decongestionante e calmante della tosse.
  • Aumento della potenza fisica e della resistenza.
  • Azione protettiva e disintossicante del fegato.
  • Azione cardiotropa.
  • Azione protettiva, stimolante e regolatrice dell’apparato digerente.
  • Azione antianemica.
  • Fissazione del calcio e del magnesio.

I benefici del miele ad uso topico sono:

  • Protezione da aggressioni esterne.
  • Antiage.
  • Idratante.
  • Rigenerante.
  • Contrasta la cellulite.
  • Agisce contro l’acne.
  • Riduce il dolore articolare.
  • Riduce l’infiammazione.

Rituale al miele: utilizzare il miele in cabina

rituale al miele

Il miele, applicato esternamente, agisce come umettante ossia attrae e promuove la ritenzione idrica. Inoltre agisce come una vera e propria colla che permette alle mani dell’operatore di alzare la pelle del cliente e lavorare il tessuto in profondità.

Queste caratteristiche del miele, lo rendono adatto ai seguenti trattamenti:

  • Massaggio totale.
  • Massaggio decontratturante alla schiena.
  • Massaggio sportivo.
  • Massaggio anticellulite alle gambe.
  • Trattamento di pulizia e di idratazione al corpo.
  • Trattamento viso.
  • Coppettazione.

Massaggi e trattamenti al miele sono controindicati in caso di:

  • Allergia al miele.
  • Malattia cardiovascolare.
  • Gravidanza.
  • Vene varicose.
  • Insufficienza epatica e renale.
  • Febbre, infiammazioni, ferite.

Rituale al miele: lavorare con il miele non è facile

rituale al miele

Effettuare un rituale al miele ti darà molta soddisfazione, perché oltre a lavorare in profondità, la pelle del cliente sarà idratata e visibilmente più compatta.

Se non l’hai mai utilizzato, prova a stendere la quantità di un cucchiaino sul tuo viso, tieni in posa per 10/15 minuti e poi sciacqua il viso con acqua calda. Vedrai da subito un viso ossigenato, fresco e soprattutto matto (no lucido).

Tuttavia, quando si effettua un massaggio o un trattamento viso/corpo al miele, bisogna considerare:

  1. Che la viscosità del miele rende quasi impossibile lavorarlo se non per pochi minuti e/o manovre.
  2. Utilizzare un asciugamano (sul lettino da massaggio) al posto del lenzuolino di carta, giacché il miele appiccica.  Immagina un cliente che si gira in posizione prona avente residui di miele su lato supino. Ci si attacca la carta ovunque.
  3. Vi è bisogno di un asciugamano piccolo bagnato in acqua calda e strizzato per pulire il corpo, la zona trattata o il viso. Quando si utilizza il panno caldo per pulire, bisogna essere rapidi nel farlo perché si raffredda subito.
  4. A fine servizio, pur utilizzando il panno caldo per la pulizia, il cliente necessita di una doccia per eliminare i sicuri residui di miele.
  5. Il miele va riposto in una ciotola e deve essere sciolto a bagnomaria. Personalmente, utilizzo il cestello (dove inserisco l’acqua) dello scaldacera (vedi foto sotto). Prelevata la quantità di prodotto che occorre e riporre nuovamente la ciotola a bagnomaria per fa sì che non si raffermi.
  6. E’consigliabile sciogliere il miele con olio vettore per ottenere una maggiore fluidità . Una giusta proporzione è 25% di miele e 75% di olio. Ovviamente più aumenta la percentuale di olio e più aumenta la fluidità. Anche in questo caso, miscela di miele e olio, va’ riscaldato a bagnomaria. Si consiglia, pur sciogliendo il miele in un olio vettore, di utilizzare il miele già fluido.

Rituale al miele: esempi dell’utilizzo del miele per massaggi e/o trattamenti corpo/viso

rituale al massaggio

Se non hai mai utilizzato il miele, ti suggerisco di fare pratica su di un amico/a per poi proporlo ai clienti.

Massaggio alla schiena.

Per effettuare un massaggio alla schiena, sia esso rilassante che decontratturante:

  1. Far scendere dall’alto, servendosi del cucchiaino da miele o direttamente da una coppetta, il miele (anche puro) lungo tutta la colonna vertebrale. Partire dalla base del collo al coccige (vedi immagine sotto) o viceversa.
  2. Prelevare dell’olio caldo e, partendo dal coccige a salire, stendere il miele su tutta la schiena con delle manovre a farfalla (vedi immagine sotto). Aggiungere olio, quando serve, per far scorrere le mani.
    rituale al miele
  3. Esegui il tuo massaggio (aggiungere olio, quando serve, per far scorrere le mani).
  4. Volendo, a fine massaggio, puoi stendere con un pennello del miele su tutta la schiena e lasciarlo in posa per 10/15 minuti.
  5. Rimuovere il miele con un panno caldo.
  6. Invitare il cliente a fare la doccia. Se non applichi la maschera al miele e pulisci bene la schiena col panno caldo, il cliente può evitare la doccia.

Massaggio anti-cellulite alle gambe.

Se si intende applicare il miele come maschera, cominciare il trattamento con la cliente in posiziona prona. Ciò darà la possibilità alla cliente, mentre aspetta il tempo di posa, di stare con il viso all’insù.

  1. Oliare la gamba.
  2. Far scendere dall’alto, servendosi dell’apposito cucchiaino  o direttamente da una coppetta, il miele.
  3. Effettua il tuo massaggio aggiungendo, di tanto in tanto, miele e olio se vi è bisogno.
  4. Lavorare l’altra gamba.
  5. Far girare la cliente in posizione supina e ripetere i passaggi sopra elencati.
  6. Volendo, a fine massaggio, puoi stendere con un pennello del miele sulle zone bisognose (esempio, culotte de cheval) e lasciarlo in posa per 10/15 minuti.
  7. Rimuovere il miele con un panno caldo.
  8. Invitare il cliente a fare la doccia (se vi è bisogno).

Massaggio totale.

Per il massaggio totale si consiglia di sciogliere il miele in un quantità maggiore di olio per renderlo fluido.

Se intendi massaggiare anche il viso, comincia il massaggio con il cliente in posizione prona. Quando il cliente si gira in posizione supina, finisci il massaggio avanti ed infine, dopo esserti lavato le mani, il viso.

  1. Con il cucchiaino da miele, far scendere dall’alto un filo di miele su tutto il corpo. Quando il cliente è in posizione supina, puoi partire girando intorno all’ombelico per salire sull’addome, braccia e poi gambe; quando è in posizione prona puoi invece partire dal coccige (vedi immagine sotto). Non vi è una specifica distribuzione del miele, puoi agire secondo la tua fantasia. L’importante è far scendere un filo sottilissimo di miele, altrimenti fai fatica a lavorarlo.
    Essendoci già il miele nell’olio, possiamo dire che questa manovra è più di scena che altro. E’ parte del rituale.
  2. Oliare tutto il corpo per stendere il miele.
  3. Esegui il tuo massaggio (aggiungere olio, quando serve, per far scorrere le mani).
  4. Pulire con il panno caldo.
  5. Far girare il cliente e continuare con il massaggio.
  6. Pulire con il panno caldo.
  7. Invitare il cliente ad effettuare una doccia.

Massaggio al viso.

  1. Con il cucchiaino da miele, far scendere dall’alto un filo di miele su viso, collo e decolté.
  2. Intingere i polpastrelli in olio caldo.
  3. Stendere il miele su viso, collo e decolté.
  4. Esegui il tuo massaggio (aggiungere olio, quando serve, per far scorrere le mani).
  5. Volendo, a fine massaggio, puoi stendere con un pennello del miele su viso, collo, decolté e lasciarlo in posa per 10/15 minuti.
  6. Rimuovere il miele con un panno caldo.

Trattamento di pulizia e di idratazione del corpo.

  1. Partire dal cliente in posizione prona, per poi quando si gira, finire con il viso.
  2. Effettuare uno scrub a tutto il corpo (esempio il di dietro).
  3. Pulire velocemente con il panno caldo.
  4. Stendere una piccola quantità di miele puro (ma ricorda, sempre riscaldato a bagnomaria) ad una zona. Esempio, la gamba.
  5. Posiziona una mano aperta sull’altra ed effettua una battitura veloce su tutta la gamba.
  6. Pulire velocemente con il panno caldo.
  7. Ripeti i passaggi (applicazione miele, battitura e pulizia con panno caldo ), sopra elencati, all’altra gamba, poi schiena e braccia.
  8. Applica una crema idratante al corpo. Deve essere un’applicazione abbastanza veloce. Si sta effettuando un trattamento, non un massaggio.
  9. Ripetere l’operazione per la posizione supina.
  10. Coprire il corpo con un asciugamano.
  11. Effettuare uno scrub al viso.
  12. Pulire col panno caldo e procedere col massaggio al viso come sopra descritto.

Per quanto riguarda questo trattamento, la pulizia dello scrub e del miele deve essere abbastanza accurato. Non dovrebbero restare residui di scrub e miele in quanto bisogna applicare la crema idratante e fare la doccia dopo, non avrebbe senso. In alternativa dopo lo scrub (che deve essere comunque pulito con un panno caldo), l’applicazione del miele e la battitura e nuovamente la pulizia col panno caldo, puoi invitare il cliente a fare la doccia ed infine applicare la crema idratante.

Solitamente per questo trattamento di pulizia e di idratazione al corpo, occorrono 60 minuti.

Rituale al miele: rendilo completo

rituale al miele

Un rituale al miele è formato da una serie di passaggi che lo rendono tale.

Per effettuare un trattamento al miele hai bisogno di:

  • Miele.
  • Coppetta per contenere il miele o bottiglietta contenente olio e miele che, al di là della scelta, va riposta a bagnomaria.
  • Cucchiaino da miele.
  • Olio.
  • Panno caldo. Se lavori tutto il corpo ne servono almeno due.

Inoltre puoi arricchire il rituale:

  • Accendendo una candela a cera d’api o in alternativa diffondere un olio essenziale al miele.
  • Offrire una tisana con un cucchiaino di miele.
  • Offrire un biscottino al miele.

Rimani aggiornato sui nuovi post seguendo Massaggi e Consigli su Facebook e/o Instagram.

Condividi

2 replies on “Rituale al miele (esempi di utilizzo).

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.