Spazzolatura a secco

Tempo di lettura: 10 minuti

Da massaggiatore e/o estetista, con un minimo di investimento, puoi inserire un nuovo trattamento nel tuo listino prezzi. Nel post benefici, controindicazioni ed esecuzione (da scaricare) della spazzolatura a secco.

spazzolatura a secco

La spazzolatura a secco o body brushing è un incredibile e rinvigorente rituale di cura che esiste da secoli.

Questo rituale di stimolazione della pelle, mediante spazzolatura a secco, è stato utilizzato in diverse culture dall’Ayurveda agli antichi egizi, romani e medicina tradizionale cinese.

Alcuni esempi di spazzolatura a secco nella storia:

  • Gli antichi egizi usavano la tecnica di spazzolatura del corpo a secco con l’aggiunta di enzimi naturali di latte acido e vino per una pelle morbida ed elastica.
  • L’Ayurveda utilizza la spazzolatura a secco, chiamata garshana (pronunciato gar-shun-uh, per stimolare la circolazione e il flusso sanguigno. Il garshana è tradizionalmente applicato usando seta grezza, guanti di lino o una spazzola per il corpo con setole naturali.
  • La tradizionale spazzolatura a secco cinese utilizza le fibre essiccate di un frutto di zucca chiamato zucca di seta, comunemente noto come luffa. Esternamente, la luffa può essere utilizzata da sola o miscelata con olio di sesamo per rimuovere la pelle morta, stimolare la circolazione ed è associata ai meridiani del Polmone, dello Stomaco e del Fegato.
  • Gli antichi greci e romani usavano gli strigili (uno strumento di bronzo o legno con una lama ricurva) con olio d’oliva, per rimuovere sporco, sudore e olio prima di fare il bagno. Si diceva che il famoso medico antico Aristotele, il padre della medicina, fosse un fan degli strigili. Molte persone in questi tempi furono sepolte con i loro strigili.
  • A metà dell’800 il Dott. Sebastian Kneipp, fondatore dell’idroterapia e igienista, aveva trovato nella spazzolatura a secco una valida alternativa a chi non traeva beneficio dall’alternanza con bagni caldi e freddi.
  • Il nutrizionista finlandese e medico naturopata Dr. Pavo Airola ha reso popolare la spazzolatura a secco contemporanea 30 anni fa. Ha sottolineato la sua funzione per aumentare la digestione e sostenere e rivitalizzare i nostri sistemi di organi. Ha incorporato oggetti come sabbia, bastoncini, spazzole e altre materie prime per supportare l’esfoliazione.

Benefici della spazzolatura a secco

Non si può negare che la spazzolatura a secco esiste da un po’ di tempo e c’è una buona ragione per questo.

Infatti, i benefici della spazzolatura a secco sono:

  • Esfoliazione della pelle. Massaggiare la pelle con spazzole asciutte rimuove le cellule morte, che stimola quelle nuove e sane a crescere al loro posto, dice Nina K. Antonov, dermatologa certificata dal consiglio di amministrazione che fornisce cure mediche, chirurgiche e cosmetiche complete a pazienti di tutte le età.
    Gli effetti esfolianti della spazzolatura a secco possono anche sbloccare i pori, rendendo più facile per il corpo eliminare i prodotti di scarto attraverso il sudore, secondo la Cleveland Clinic.
  • Stimola il sistema linfatico. “Certamente può eliminare le cellule morte della pelle, ma dal punto di vista ayurvedico, stiamo anche lavorando con il sistema linfatico”, afferma Haasl-Blilie, praticante ayurvedica certificata, insegnante di meditazione e monaco.
  • Stimola la circolazione sanguigna. La spazzolatura a secco è simile a un massaggio delicato. Come altri tipi di massaggio, stimola una lieve risposta infiammatoria favorendo la circolazione e potenzialmente supporta la guarigione. La spazzolatura a secco spinge il sangue nelle aree colpite, aiutando a trasportare i nutrienti e rimuovere i prodotti di scarto.
  • Migliora temporaneamente l’aspetto della cellulite. Sono sempre più i centri estetici che introducono la spazzolatura a secco come trattamento a sé stante o nel massaggio estetico. La spazzolatura a secco può migliorare temporaneamente l’aspetto della cellulite attraverso l’aumento a breve termine della circolazione sanguigna. Quando trattamenti come la spazzolatura del corpo e il massaggio sono combinati con una dieta sana e pratiche di esercizio, possono ridurre la comparsa della cellulite nel tempo.
  • Sollievo dallo stress. L’atto della spazzolatura a secco è stato descritto come meditativo, e può aiutare a ridurre la tensione muscolare e calmare la mente. La spazzolatura a secco può potenzialmente stimolare le terminazioni nervose della pelle afferma Patricia K. Farris, dermatologa certificata e professore associato clinico presso la Tulane University School of Medicine di New Orleans.
  • Stimola la produzione di collagene. A lungo termine, la spazzolatura a secco può aiutare a promuovere la produzione di collagene.
  • Meno peli incarniti.

Controindicazioni della spazzolatura a secco

spazzolatura a secco

Evitare la spazzolatura a secco su:

  • tagli, ferite, crosticine, nei sopra pelle, verruche o qualsiasi altra protuberanza;
  • psoriasi, eczema, pelle bruciata, scottature solari o qualsiasi altra infiammazione della pelle.

Per il viso non bisogna utilizzare la stessa spazzola del corpo, ma una con setole più morbide.

La spazzolatura a secco può essere eseguita quotidianamente, anche se numerosi esperti la consigliano a massimo tre volte a settimana per evitare irritazioni alla pelle.

Pulizia della spazzola

L’obiettivo principale della spazzolatura a secco è rimuovere quanto più sporco, olio e cellule morte dal corpo del cliente.

È quindi ovvio che, a fine trattamento, la spazzola sia sporca.

I batteri in una spazzola sporca possono causare eruzioni cutanee, acne, infiammazioni, irritazioni, danni alla barriera cutanea.

LA SPAZZOLA DEVE ESSRE NECESSARIAMENTE PULITA DOPO OGNI TRATTAMENTO.

Per pulire la spazzola rifarsi ai seguenti passaggi:

  1. tamburellare la spazzola, con le setole rivolte verso il basso, su una superficie lavabile esempio, un lavandino;
  2. riempire una ciotola con acqua tiepida. Il livello dell’acqua dovrebbe coprire solo le setole, non il legno;
  3. aggiungere tre gocce di tea tree oil (ha proprietà disinfettanti) o un disinfettante;
  4. mettere la spazzola nella ciotola, con le setole rivolte verso il basso;
  5. muovere la spazzola. Il movimento libera le cellule morte e lo sporco nelle setole;
  6. lasciare in ammollo per 5-10 minuti, quindi risciacquare con acqua pulita, muovendo le setole per rimuovere l’eventuale tea tree oil o il disinfettante;
  7. posizionare la spazzola su un asciugamano asciutto e lasciarla asciugare.

Come utilizzare la spazzola

Per effettuare un trattamento di spazzolatura a secco hai bisogno di:

  • 2 spazzole per il corpo;
  • 2 spazzola per il viso (se decidi di includerlo nel trattamento);
  • 2 asciugamani medi per pulire il corpo (se non è prevista la doccia).

Trovi le spazzole nei rivenditori specializzati o semplicemente su Amazon.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La spazzolatura a secco può essere proposta:

  • come trattamento a sé;
  • prima di un massaggio o un trattamento per il corpo o viso;
  • durante un massaggio.

Le manovre che guidano la spazzolatura a secco sono:

  • circolari;
  • lunghi;
  • seguono la direzione della linfa. Dal basso verso l’alto e verso le stazioni linfatiche;
  • la pressione da esercitare sulle spazzole è inizialmente leggera per poi essere un po’ più intensa.

È normale un eventuale arrossamento della pelle, giacché la spazzolatura crea iperemia. Tuttavia, terminare il trattamento se la cliente avverte fastidio o vi è un’irritazione della pelle.

Esempio di spazzolatura a secco

POSIZIONE SUPINA

  • Effettuare dei cerchi in senso orario e antiorario per circa 5/10 secondi sulla pianta dei piedi (immagine sotto).

  • Spazzolare avanti e indietro il di sotto delle dita dei piedi (6/7 spazzolate) (immagine sotto).

Dorso del piede. Spazzolare dell’alto delle dita fino alla caviglia (6/7 spazzolate) (immagine sotto).

  • Posizionare una spazzola a destra e a sinistra delle caviglie e spazzolare dal basso verso l’alto fin sotto il ginocchio. Alternare tratti lineari e semicircolari (6/7 spazzolate) (immagini sotto).

  • Posizionare una spazzola a destra e a sinistra del ginocchio e spazzolare con movimenti semicircolari per circa 5/10 secondi (immagine sotto).

  • Posizionare una spazzola a destra e a sinistra sopra il ginocchio e spazzolare dal basso verso l’alto convogliando le spazzole verso l’inguine. Alternare tratti lineari e semicircolari (6/7 spazzolate) (immagini sotto).

  • Posizionare una spazzola a destra e a sinistra delle caviglie e spazzolare dal basso verso l’alto convogliando le spazzole verso l’inguine. Alternare tratti lineari e semicircolari (6/7 spazzolate) (immagini sotto).

Ripetere i passaggi sopraelencati anche all’altra gamba.

  • Effettuare dei cerchi, partendo intorno all’ombelico, che da piccoli si ingrandiscono su tutto l’addome. Effettuare cerchi in senso orario e antiorario per circa 10/15 secondi (immagine sotto).

  • Posizionarsi dietro la testa del cliente e, con entrambe le spazzole, spazzolare dalla clavicola verso lo sterno, per girare intorno al seno e andando verso l’ascella (6/7 spazzolate) (immagine sotto).

  • Portare il braccio del cliente indietro e spazzolare (una spazzola segue l’altra) dai fianchi all’ascella (6/7 spazzolate). Riposizionare il braccio lungo il corpo e, con entrambe le spazzole (una spazzola segue l’altra) spazzolare dal dorso delle mani verso l’ascella (6/7 spazzolate). Ripetere all’altro braccio (immagini sotto).

Se la spazzolatura è un trattamento autonomo e vi è la possibilità di fare la doccia, continuare con la spazzolatura al lato posteriore del corpo per poi invitare il cliente a fare la doccia.

Se, invece, dopo la spazzolatura è previsto il massaggio o non c’è la possibilità di fare la doccia o semplicemente la si vuole saltare, dopo la spazzolatura di tutto il corpo anteriore, passare sullo stesso un asciugamano medio bagnato in acqua calda e strizzato per poi far girare il cliente  continuando con la spazzolatura e concludere passando l’asciugamano al lato posteriore.

POSIZIONE PRONA

  • La spazzolatura delle gambe posteriori è uguale a quelle delle gambe anteriori. Spazzolare leggermente al cavo popliteo (immagini sotto).

spazzolatura a secco

  • Con entrambe le spazzole, spazzolare per circa 10/15 secondi i glutei formando cerchi in senso orari e antiorari. Prima un lato poi l’altro (immagine sotto).

  • Con una spazzola accanto all’altra, spazzolare un lato della schiena salendo e scendendo e dai paravertebrali verso l’esterno. Spazzolare prima un lato poi l’altro (6/7 spazzolate) (immagini sotto).

spazzolatura a secco

  • Con una spazzola accanto all’altra, spazzolare un lato della schiena solo dal basso verso l’altro. Spazzolare prima un lato poi l’altro (6/7 spazzolate). In aggiunta o in alternativa, con entrambe le spazzole effettuare dei cerchi su tutta la schiena solo in salita circa 10/15 secondi (immagini sotto).

  • Con entrambe le spazzole (una spazzola segue l’altra) spazzolare dal dorso delle mani verso l’ascella (6/7 spazzolate). Ripetere all’altro braccio (immagine sotto).

spazzolatura a secco

VISO

Se si prevede di spazzolare anche il viso, iniziare il trattamento con il cliente in posizione prona, poi supina, poi lavarsi le mani e terminare con il viso.

La spazzolatura del viso può essere abbinata anche ad un trattamento viso.

  • Con due spazzole per il viso, spazzolare (lentamente) il viso con piccoli cerchietti in senso orario e antiorario. Dall’alto verso il basso e dall’interno verso l’esterno. Effettuare la spazzolatura una sola volta (immagine sotto).

  • Con due spazzole per il viso, spazzolare (lentamente) il viso con tratti lineari. Dall’alto verso il basso e dall’interno verso l’esterno. Effettuare la spazzolatura due volte (immagine sotto).

spazzolatura a secco

  • Con due spazzole per il viso, spazzolare (lentamente) il viso con tratti lineari partendo dall’alto del collo a scendere. Tralasciare la zona del pomo di Adamo o passarci molto delicatamente sopra. Effettuare la spazzolatura due volte (immagine sotto).

Con la spazzola del corpo è possibile spazzolare anche il collo, ma se si hanno le spazzole per il viso e si prevede di spazzolare lo stesso, rimandare il collo a quando si effettuerà la spazzolatura al viso.

A fine della spazzolatura del viso, se non è prevista la doccia, pulire lo stesso con dischetti di cotone e tonico.

INTRODURRE LA SPAZZOLATURA IN UN MASSAGGIO

Solitamente, la spazzolatura viene introdotta nel massaggio estetico per aumentare i benefici dello stesso.

In questo caso, spazzolare energeticamente, prima e dopo manovre di massaggio, le zone da trattare con tratti lineari dal basso verso l’alto e verso le stazioni linfatiche,

Rifarsi alle controindicazioni sopra menzionate.

Un rossore della zona è normale in quanto si crea iperemia, tuttavia se la cliente avverte fastidio terminare la spazzolatura.

La spazzolatura a secco può essere eseguita anche prima di una depilazione.

Vademecum da scaricare

spazzolatura a secco

Educare il cliente alla spazzolatura a secco

I clienti avrebbero potuto sentire o leggere i diversi benefici della spazzolatura. Se sono interessati a provare questo trattamento, assicurati di parlare con loro dei vantaggi e delle controindicazioni della spazzolatura a secco.

Dovresti anche istruirli su come incorporare la spazzolatura a secco nella loro routine di benessere a casa e potresti, approfittando dell’occasione, vendere delle spazzole.

Se istruisci il cliente sulla spazzolatura a secco a casa, evidenzia i seguenti punti:

  • Spazzolare dal punto più esterno verso l’interno e dal basso verso l’alto.
  • Spazzolare più a lungo le aree che richiedono un po’ più di attenzione, come ginocchia, piedi e gomiti.
  • Effettuare una doccia dopo la spazzolatura.
  • Applicare una crema.
  • Pulire la spazzola.
  • Effettuare la spazzolatura da una a tre volte alla settimana.

La spazzolatura a secco è semplice e richiede un minimo investimento economico, pensaci su!

Rimani aggiornato sui nuovi post seguendo Massaggi e Consigli su Facebook e/o Instagram.

Condividi

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.